Bagaglio smarrito: ne parliamo con Fabio Collavini di Salvaviaggio.com

Condividi:

Alla luce del recente provvedimento anticovid-19 che vieta l’uso del bagaglio a mano aumentano i timori in dei viaggiatori per il rischio di smarrimento del propri beni personali.
Lo smarrimento del bagaglio è, attualmente, una della maggiori paure di un viaggiatore.

Nel 2019 i vettori aerei hanno smarrito oltre 2 milioni di bagagli, con una frequenza di una denuncia ogni 47 minuti presso gli uffici lost & found.

Fabio collavini -bagaglio smarrito- Salva Viaggio

Avv. Fabio Collavini -Salvaviaggio.com

Per fare luce su cosa fare e quali sono i diritti dei passeggeri, dinanzi questo fastidioso avvenimento, ho interpellato un vero esperto. Sto parlando dell’Avvocato Fabio Collavini, fondatore di Salvaviaggio.com ,un portale che riunisce professionisti che offrono assistenza in caso di:

  • volo cancellato
  • volo in ritardo
  • bagaglio smariito
  • vacanze rovinate
  • prenotazioni alberghiere 
  • infortuni in viaggio

Convenzione di Montreal e tutela del bagaglio

Bisogna, innanzitutto, precisare che le norme del Codice della navigazione dedicate al trasporto aereo di persone e bagagli, compiono un rinvio diretto alle norme internazionali e comunitarie.
I principi che tutelano il bagaglio sono contenuti nella Convenzione di Montreal ratificata dall’Italia il 28 giugno 2004, prevedendo limiti risarcitori e termini decadenziali per richiedere il risarcimento del bagaglio smarrito.

Chi viaggia, deve dunque sapere che, in base all’art. 22 di tale Convenzione, sussiste una limitazione di responsabilità in capo al vettore aereo in caso di distruzione, perdita, deterioramento o ritardo di 11318 DSP (diritti speciali di prelievo per passeggero) corrispondente ad un importo complessivo di Euro 1.383.92.

Nel caso il bagaglio contenesse beni di valore superiore a tale importo, sarà onere del passeggero, recarsi almeno un ora prima del decollo e compilare il modulo contenente la “dichiarazione speciale di interesse” al momento della consegna al vettore del bagaglio, dietro pagamento di un’eventuale tassa supplementare.

Tale duplice procedura è stata necessaria per fornire parametri univoci e non sindacabili, sul valore dei bagagli, compatibili con le procedure ed alle tempistiche aeroportuali di imbarco.

In caso di smarrimento senza “dichiarazione di interesse il passeggero avrà, pertanto, diritto a richiedere esclusivamente l’importo di 1131 DSP (Diritti Speciali Di Prelievo ) corrispondenti ad Euro 1.383,93 

Bagaglio smarrito: cosa fare

Non importa se trattasi di Alitalia, Ryanair,Lufthansa o Air France, in ogni caso sussistono alcuni adempimenti obbligatori che devono essere effettuati da parte del passeggero in caso di mancata restituzione del proprio bagaglio.

  1. Prima di tutto recarsi, senza uscire dall’area di consegna bagagli, al bancone lost & found e denunciare lo smarrimento del proprio bagaglio
  2. Richiedere all’ufficio lost & found l’emissione del documento PIR (Property irregularity Report) ed accertare la correttezza di tutti i dati ivi contenuti (identificativo, numero e descrizione del bagaglio, data, tratta, codice della compagnia aerea).
  3. Accertarsi che gli addetti dell’ufficio abbiano indicato correttamente l’indirizzo di riconsegna ed il vostro numero di telefono;
  4. Non consegnare l’originale del boarding pass ed il Tag identificativo del bagaglio consegnato al check-in.
  5. Ritirato il PIR, il passeggero ha diritto ad acquistare beni di prima necessità. Importante documentare ogni acquisto, richiedendo fattura o certificazione fiscale, indicando il nominativo del titolare del bagaglio da parte del negoziante, al fine di non incorrere eccezioni da parte della compagnia aerea.

Il Bagaglio si considererà smarrito dopo 21 giorni. Tuttavia, in via prudenziale, si consiglia di inviare una prima richiesta risarcitoria a distanza di una settimana, rinnovando obbligatoriamente a mezzo raccomandata o via pec la medesima richiesta trascorsi 21 giorni dalla data di arrivo a destinazione.

Il termine per richiedere il risarcimento del bagaglio è di 21 giorni decorrenti dalla data in cui il bagaglio può considerarsi smarrito. In sostanza entro 42 giorni dalla data di denuncia di smarrimento effettuata al Lost & Found.

Tale termine è considerato decadenziale e, pertanto, in mancanza di una tempestiva richiesta non sarà possibile avanzare alcuna domanda risarcitoria nei confronti della compagnia aerea.

Salvaviaggio.com

Salvaviaggio logoAttesa la difficolta di districarsi all’interno di tali termini, attraverso l’APP Salvaviaggio scaricabile gratuitamente nell’App store Android o IOS o compilando il modulo dedicato, sarà possibile fruire del servizio gratuito per effettuare tutti i passaggi diretti alla tempestiva richiesta di risarcimento del proprio bagaglio.

Gruppo di Appunti Turismo su Facebook
Se vuoi collaborare con Appunti Turismo, scrivere un articolo, seguire un corso onliine, richiedere una consulenza in webmarketing & SEO, invia un email a info@appuntiturismo.it
Condividi:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Cookie policy