1

Vulci nel mondo :alla scoperta della Necropoli etrusca

L’Italia , nel corso dei secoli, grazie anche alla sua posizione geografica, è stata legata a diverse influenze culturali : civiltà romana, greca, araba, normanna..
In questo, posto come ben evidente dal titolo, ci incentreremo sul popolo etrusco e in particolare su Vulci, città al confine con il territorio di Montalto di Castro (Viterbo).

Vulci e Vulci nel mondo

Vulci, è considerata una delle testimonianze etrusche più rilevanti e importanti d’Italia; le rovine si estendono per circa 15 km. 

Nel Parco Naturalistico  Archeologico di Vulci vi è la possibilità di intraprendere tre percorsi per scoprire gli scavi e le attrazioni principali dell’area

Vulci nel Mondo è un progetto che ha come obiettivo proprio quello di catalogare e diffondere le testimonianze e i reperti dell’importantissima Necropoli, conservati nei musei di tutto il mondo . Da sottolineare la supervisione scientifica dell’Università La Sapienza di Roma (Dipartimento di scienze dell’antichità).

Ciò che si sta realizzando è un’importante risorsa , fondamentale per ricostruire la gloriosa storia dell’antica necropoli di Vulci e diffondere continui aggiornamenti, utili sia per studiosi, turisti o semplici curiosi riguardo le novità su scavi, ricerche e notizie in generale.




Differenze tra Guida e Accompagnatore Turistico

Molti, soprattutto chi non appartiene al settore turistico, non comprende appieno le mansioni della guida Turistica e  quella di Accompagnatore Turistico. E’ vero, sono due figure che si sovrappongono e spesso complementari ma sulla carta hanno compiti differenti.

Tengo a sottolineare, per quanto ne sappia io, che la distinzione tra le due figure è presente solo in Italia. Infatti, la Guida Turistica, in altri paesi, svolge anche le mansioni dell’Accompagnatore.

Cosa fa una guida turistica

Solitamente la legislazione delle differenti regioni (NB Il turismo è soggetto a leggi regionali) descrive la professione della Guida Turistica utilizzando tali parole:

“La guida turistica è colui che per professione, accompagna persone singole o gruppi nelle visite a opere d’arte, musei, gallerie, scavi archeologici, illustrandone anche le attrattive storiche, artistiche,  monumentali, paesaggistiche e naturali”

In concreto, una guida turistica è il biglietto di visita di una città – destinazione turistica della quale illustra le bellezze storiche, naturalistiche e monumentali ma  raccontando anche aneddoti e curiosità riguardo usi e costumi.
Ovviamente, deve conoscere anche almeno una lingua straniera e la legislazione turistica.

Dove opera una Guida Turistica

Questo, è un argomento “complicato”. Originariamente si parlava di guida locale o comunque a livello regionale.
Ad oggi, si sta facendo la strada, seguendo la legislazione europea (legge europea 97/2013) della guida Nazionale  che quindi può operare in tutto il territorio italiano.

Per chi lavora una Guida Turistica

Una guida turistica opera sia per gruppi che per per individuali. 

I committenti possono essere:

  • Agenzia di viaggio – Tour Operator
  • Enti e associazioni di promozione turistica
  • Musei, parche e siti archeologici

L’Accompagnatore Turistico

In questo paragrafo affronterò brevemente la figura dell’accompagnatore turistico (leggi l’approfondimento), sottolineando, in particolare, le differenze con la guida turistica.

Mi affido sempre al testo maggiormente utilizzato nella legislazione regionale per descrive il profilo di questa professione

L’Accompagnatore Turistico si occupa di accogliere e accompagnare persone singole o gruppi di turisti nei viaggi sul territorio nazionale e all’estero su programmi turistici precedentemente predisposti dagli organizzatori.

L’accompagnatore quindi, è un punto di riferimento per un gruppo di turisti che si affidano ad una Agenzia di Viaggi – T.O o organizzazione turistica.

Il compito  principale è quello di far rispettare il programma di viaggio, le diverse tappe e visite, rispettando la tempistica.
L’accompagnatore turistico deve conoscere usi e costumi del luogo, avere uno spiccato problem solving. Possono, infatti, accadere inconvenienti come ad esempio problemi di salute ad uno o più membri del gruppo, con le strutture ricettive, mezzi di trasporto, etc

Adesso, andiamo ad individuare le differenze sostanziali tra le due figure.

Quali sono le differenze tra Accompagnatore e Guida Turistica

  • La guida turistica può svolgere un servizio a livello locale -nazionale. Una guida italiana può lavorare in un’altra nazione europea ma solo temporaneamente. Un’accompagnatore turistico può accompagnare all’estero senza alcun problema.
  • Un accompagnatore turistico non può descriver monumenti, attrazioni etc in modo minuzioso e nei dettagli. Questo, è compito della Guida Turistica.

Come si diventa guida Turistica?

L’iter per ottenere l’abilitazione di guida Turistica è un’incognita. Se precedentemente venivano indetti esami regionali o organizzati dei corsi (e successivo esame da sostenere), da un pò di anni non è più cosi.

Si attende una riforma generale che non sembra arrivare. Si paventa  anche l’opzione di realizzare un corso universitario apposito per ottenere il patentino di guida.




ENIT:Bando 120 assunzioni

L’ENIT ha indetto due concorsi finalizzati a complessive 120 assunzioni di diplomati e laureati in vari profili professionali.

  •  n. 70 posti livello secondo del contratto collettivo nazionale del lavoro per i dipendenti del settore turismo– aziende alberghiere di cui: 30 specialisti nel settore giuridico, 17 specialisti nel settore economico e statistico, 7 specialisti nel la comunicazione istituzionale, 7 specialisti specializzare nella conoscenza delle lingue inglese, francese, tedesco, spagnolo, russo e cinese)
  • n. 50 posti  al livello terzo del contratto collettivo nazionale del lavoro per i dipendenti del settore turismo – aziende alberghiere, specializzati nel settore alberghiero e del turismo.

Termine iscrizioni il 7 gennaio 2022

Leggi tutti i dettagli nella pagina web dell’Enit




Sicilia:Bando Guida Turistica 2018 – Pubblicate le date d’esame

AGGIORNAMENTO 22/12/2021s

 

Stilato il calendario degli esami nelle diverse sedi siciliane. Avranno inizio nel mese di Gennaio 2022

Leggi la comunicazione  ufficiale della Regione Sicilia

SEDE CATANIA

SEDE ENNA

SEDE MESSINA

SEDE PALERMO

AGGIORNAMENTO 1/11/2019

Consigli su Come prepararsi all’esame di guida turistica, redatto da Vitalba Craparo

AGGIORNAMENTO 10/10/2019

E’  online l’ elenco ammessi esami guida turistica in Sicilia 

 

E’ stato pubblicato l’AVVISO ABILITAZIONE GUIDE TURISTICHE 2018. Il termine per iscriversi è fissato entro 45 giorni dalla data della pubblicazione ,quindi a partire dal 27 aprile 2018. (11 giugno)

Requisiti per l’ammissione all’esame di verifica di Guida Turistica

E’ ammesso all’esame di verifica chi è in possesso di titolo di Laurea Vecchio e Nuovo Ordinamento  (Triennale/Magistrale) in discipline afferenti alle materie turistiche, umanistiche e storiche artistiche

Requisiti  la verifica della conoscenza  Linguistica

E’ richiesto il livello C1 di conoscenza di una o più lingue straniere .

E’ esonerato alla verifica chi

  • è già in possesso di abilitazione come Accompagnatore Turistico relativamente alla lingua indicata
  • i candidati madrelingua non italiana che attestino un titolo di studio equivalente alla scuola secondaria di secondo grado  conseguito nel paese di cui alla lingua madre.
  • è in possesso di Laurea Magistrale o V.O in Lingue  o equiparata
  • è in possesso di Laurea Magistrale in Interprete e Traduttore
  • è in possesso di una certificazione linguistica rilasciata da un’istituzione riconosciuta dal Ministero dell’Istruzione, per quanto riguarda le lingue europee.

Prove d’esame

L’esame di verifica sarà prettamente orale e consisterà  nell’appurare la conoscenza di

  • contenuti specifici del territorio siciliano con particolare riferimento alle opere d’arte, ai monumenti,ai beni archeologici, alle bellezze naturali, alle risorsee ambientali, alle tradizioni popolari e religioso

Sempre in riferimento al territorio siciliano il candidato dovrà presentare alla commissiono un’itinerario turistico interdisciplinare della durata massima di 3 giorni

Il candidato dovrà anche creare e presentare un’itinerario interdispilinare riferito ad una regione italiana.

Di seguto il link dei  programmi per le singole materie

Vi consigli due gruppi Facebook in merito l’esame:

Bando Guida Turistica 2018

Aspranti Guide turistiche Sicilia 

Ovviamente vi  segnalo anche il Gruppo di Appunti Turismo, dove  si parlerà di bandi e di turismo in generale.




Sondaggio Estate 2021: la voce ai protagonisti del turismo




Web marketing per guida e accompagnatore turistico

SEO e web marketing in generale, (Social Media, Email Marketing, blogging) possono essere fondamentali non solo per  la promozione di Agenzie di Viaggi, TO, strutture ricettive ma anche per le destinazioni e i professionisti del settore.

Il web marketing mette a disposizione dei professionisti del turismo, potenti strumenti per costruire una web reputation e per raggiungere, tra l’altro, l’obiettivo  di diventare  una figura di riferimento per un determinato ambito e territorio

Se vuoi implementare una strategia vincente alla tua attività

Scopri i servizi di web marketing

Una guida turistica o accompagnatore turistico, grazie al web  può:

  • procurarsi nuovi clienti ma anche fidelizzare quelli passati
  • nuove collaborazioni con agenzie di viaggio TO
  • promuovere le proprie attività e “raccontarsi

 

Il sito web di una Guida o Accompagnatore Turistico

Avere un sito per la propria attività è molto importante. Nel caso di una guida turistica o accompagnatore, in molti pensano che sia necessario solo avere un profilo di Facebook o Instagram. Non è così.


Clicca il link di seguito se vuoi realizzare un sito web vincente 


Un sito curato graficamente e con altri accorgimenti, può diventare un mezzo determinante per raggiungere gli obiettivi elencati poco prima.

Risultare nelle prime posizioni su Google e negli altri motori di ricerca  per ricerche utili per per il proprio business, vi assicuro è sempre una bella soddisfazione e come ben si può immaginare, aumenta esponenzialmente le possibilità che gli utenti ti contattino

In ogni sito  è importante il contenuto. Scrivere ciò che gli utenti stanno ricercando in in un determinato momento.

Bisogna mettersi nei panni dei potenziali viaggiatori e comprendere quali possano essere le loro esigenze e i desideri.

Entra così in gioco la SEO che ha come obiettivo principale indicizzare al meglio un sito e le corrette keyword nelle prime  posizioni dei motori di ricerca . Ho parlato proprio di questo nell’articolo  Seo e Turismo

Quali contenuti produrre

In un sito web, un Accompagnatore o una Guida Turistica deve realizzare una presentazione personale, professionale e che ispiri fiducia.

Raccontate voi stessi  e il territorio dove esercitate la professione in modo equilibrato e veritiero:

  • Una guida turistica può  raccontare i segreti e le attrazioni di un luogo.
  • Un accompagnatore può trattare gli aspetti tecnici: miglior periodo per visitare un paese, come muoversi con i trasporti pubblici, passaporto, visti, etc.

Storytelling

 

Diegno con all'interno ta nti termini riferiti allo storytelling

Sia nel caso di un sito che dei social, gioca un ruolo importante lo ha lo storytelling: una narrazione del territorio che emoziona in cui l’elemento umano è protagonista assoluto della storia.

In Appunti Turismo puoi trovare un approfondimento sullo storytelling e storyliving e turismo

I Social Media e le app di messaggistica

Non approfondirò in questo post quali sono i vantaggi di usare i social media. Ho già affrontato questo argomento  nell’articolo riferito alla promozione di un’agenzia di viaggio/TO ma utile anche in questo caso.

Quello su cui mi vorrei soffermare adesso, è un iter che probabilmente Accompagnatori turistici, Guide  e gli operatori turistici attuano poco.

Prima del viaggio/attività

Di cosa sto parlando? Nel momento in cui i clienti hanno confermato la loro partecipazione in un’escursione, un tour etc, possiamo instaurare con loro un rapporto prima ancora di conoscerli di persona. Come?  Ci vengono in soccorso i social e le app di messaggisitica: possiamo creare un gruppo su Whtasapp, Telegram o su Facebook con tutti i partecipanti

É  una mossa che serve per creare il giusto clima  prima della partenza o fruizione del servizio e dare informazioni  supplementari, ad esempio, sull’itinerario, su cosa si andrà a visitare e le attività previste.

Dopo il viaggio/attività

Dopo un tour/escursione non” lasciate che i partecipanti finiscano nel dimenticatoio.

Proprio adesso è il momento di fidelizzare i clienti.

Le app di messaggistica e i social media, insieme all’email marketing,  sono fondamentali nel processo di fidelizzazione di un cliente.  Potete aggiornarli sulle vostre attività e magari proporre offerte per premiare la loro fedeltà.

In merito a quest’argomento vi consiglio di leggere l’articolo sull’Inbound Marketing Turistico

I social e le dirette

Come si può intuire dal titolo del paragrafo mi soffermerò a fare delle considerazioni sulle dirette, ad esempio di  Facebook e Instagram.

Una diretta social durante un tour, ovviamente chiedendo il permesso ai partecipanti del gruppo, si può rivelare uno degli strumenti più funzionali per lo storytelling e la promozione.

Bisogna produrre contenuti originali e coinvolgenti. L’obiettivo primario è quello di ottenere like , condivisioni e altri tipi di interazione.

  Le dirette devono far venire l’acquolina in bocca e far si che il potenziale cliente pensi anch’io voglio vivere quest’ esperienza” .

I social non sono (solo) una vetrina

Navigando tra i vari social  sia di agenzie di viaggio che professionisti del settore turistico, ho notato che molti li considerano unicamente  come una mera vetrina dove pubblicare le proprie offerte. Non è assolutamente così.

Si possono anche pubblicare post che riguardano:

  • il racconto della propria attività:  presentare altri eventuali componenti dello staff, se si partecipa fiere, se si è ricevuto  un premio, etc.
  • il territorio : curiosità foto, aneddoti , video , foto.

Un ultimo consiglio è quello di non restare indietro, segui un corso di web marketing, Social Media e di SEO .

Ovviamente, sono disponibile a darvi dei consigli e delle dritte per eccellere e farvi notare nel web.

Scrivete un commento o contattatemi in privato.




Vacanze a Sorrento: tutti i vantaggi di affittare una villa con piscina per il soggiorno

Tra le mete più apprezzate per le vacanze in Italia ci sono sicuramente le località di mare. Tra queste, Sorrento si conferma una delle più amate dai turisti di tutto il mondo che desiderano godersi la bellezza di questa ridente cittadina costiera.

Un piccolo gioiello nostrano che offre panorami mozzafiato, ottimo cibo e mare cristallino e che ogni anno si popola di giovani e famiglie alla ricerca di un luogo incantato dove trascorrere le proprie vacanze.

Per soggiornare in questa meravigliosa località è possibile optare per diverse tipologie di alloggi, a seconda delle proprie esigenze. Ad esempio, attualmente sempre più spesso i turisti scelgono di affittare una villa con piscina, una soluzione ideale per vivere un’esperienza unica senza rinunciare ai comfort che solo una sistemazione di questo tipo è in grado di offrire.

Inoltre, in questo modo sarà possibile usufruire di numerosi vantaggi, primo fra tutti la possibilità di organizzare e gestire le proprie giornate in completa autonomia e tranquillità senza avere nessun vincolo di orario, a differenza di quando si sceglie di alloggiare in una struttura alberghiera.

Come affittare una villa con piscina a Sorrento

Al giorno d’oggi, per affittare una villa con piscina a Sorrento è possibile rivolgersi anche alla rete, affidandosi a veri e propri punti di riferimento come My Rental Homes, portale specializzato che vanta 10 anni di esperienza nel settore.

Effettuare la prenotazione online permette di orientarsi tra un ampio ventaglio di soluzioni a prezzi concorrenziali, con la possibilità di valutare ogni villa sotto tutti i punti di vista, grazie a ricche fotogallery e schede descrittive dettagliate.

Si tratta di una possibilità sempre più apprezzata, in quanto permette di fare scelte pienamente consapevoli con la massima tranquillità, all’interno delle proprie mura domestiche, gestendo liberamente il tempo da dedicare alla ricerca dell’immobile più adatto a soddisfare le proprie necessità.

Tutti i comfort di una villa con piscina

L’affitto di una villa con piscina permette di trasformare ogni singolo istante del soggiorno in un vero e proprio momento di vacanza.

Una soluzione abitativa di questo genere permette infatti di godere a pieno del clima e dei profumi locali senza nemmeno dovere uscire di casa. Del resto, la presenza di una piscina dove godere di pieno relax oppure organizzare piccole feste offre un valore aggiunto all’esperienza del soggiorno, che diviene così ancora più confortevole.

Per individuare, tra le tante ville presenti a Sorrento, quella più adatta alle proprie esigenze, è sufficiente effettuare una ricerca sui migliori portali online, inserendo i parametri a cui si tiene maggiormente: si può optare per spazi caratterizzati da un determinato numero di camere o che rientrino in una particolare fascia di prezzo.

Allo stesso modo, è possibile muoversi soltanto tra le strutture dotate di aria condizionata, tra quelle dotate di wifi, o tra quelle che garantiscano una spettacolare vista mare
  

Cosa fare e cosa vedere a Sorrento

Sorrento è una città che non ha certamente bisogno di presentazioni: è senza ombra di dubbio il comune più importante della costiera a cui presta il suo nome (la costiera Sorrentina) ed è un vero e proprio trionfo di spiagge, stabilimenti e calette.

Per non parlare poi di Marina Grande e Marina Piccola: due deliziosi borghi marinari raggiungibili a piedi grazie a una vecchia strada di gradini di pietra, resi immortali dalla loro apparizione nel film neorealista “Pane, Amore e Fantasia”.

Ma Sorrento non è soltanto mare. Questo comune è infatti ricchissimo anche di arte e di storia: dalla chiesa di San Francesco e il suo complesso conventuale alla basilica di Sant’Antonio, storico “Patrono, Avvocato e Padre” della città.

Anche gli appassionati di natura e spazi aperti hanno soltanto l’imbarazzo della scelta. A questo proposito, uno dei luoghi da visitare è sicuramente il vallone dei mulini: una meravigliosa fenditura nella roccia che sembra risalire a oltre 30.000 anni fa, al cui interno è ancora possibile osservare i ruderi di un mulino realizzato durante il XVII secolo.

Il tutto senza mai dimenticare che Sorrento dista meno di 50 chilometri da Napoli e che quindi, con circa un’ora di macchina, sarà possibile visitare un’altra meta imperdibile della Campania. 

 




Strutture ricettive: dall’immagine ai servizi, tutto l’indispensabile per crescere sul mercato

ricettiva curando ogni più piccolo dettaglio, dalla selezione dello staff alla composizione della proposta dei servizi, senza dimenticare di dedicare la giusta attenzione anche al marketing.

Per incrementare la visibilità e la reputazione del proprio hotel, infatti, è indispensabile sia il passaparola dei clienti, che al giorno d’oggi si traduce sempre più spesso in recensioni sul web, sia una strategia di comunicazione in grado di rendere la propria offerta nota a un pubblico il più possibile ampio e variegato.

L’importanza della cura dell’immagine: dallo staff allo stile della struttura

Per assicurare al cliente di vivere un’esperienza positiva all’interno di una struttura ricettiva è indispensabile curare numerosi fattori, primo fra tutti quello della cortesia e della massima competenza di ogni membro dello staff, dal receptionist ai camerieri ai piani, passando per il personale di sala ai cuochi del ristorante.

Naturalmente, a tutto questo si aggiunge l’importanza della cura dell’immagine, che dovrà trasmettere agli ospiti fin dal primo momento un senso di grande professionalità.

È fondamentale, quindi, che tutto il personale sia dotato di uniformi impeccabili e di eccellente fattura, come per esempio queste divise per alberghi proposte da Maurel, punto di riferimento nel campo dell’abbigliamento da lavoro, in grado di realizzare collezioni su misura per ogni struttura ricettiva e tutte caratterizzate da uno stile rigorosamente Made in Italy.

È importante ricordare come, ovviamente, la qualità del lavoro del personale dipenda anche dalle condizioni in cui esso si trova a svolgere le mansioni: per questo motivo, a prescindere dalle preferenze personali, sarà fondamentale optare sempre per divise in grado di favorire il comfort e la piena libertà di movimento dei dipendenti. Lavorare in condizioni serene, infatti, è determinante anche per la qualità delle interazioni con i clienti.

La stessa attenzione deve essere riposta nella scelta dello stile della struttura, che dovrà essere accuratamente pensato per far sentire i clienti a proprio agio in qualsiasi ambiente dell’albergo, in particolare all’interno delle camere: in questo particolare spazio, infatti, a prescindere dalle preferenze in termini d’arredamento, è fondamentale optare per colori riposanti, in grado di trasmettere un profondo senso di relax e tranquillità durante il soggiorno.

Come differenziarsi dalla concorrenza grazie ai servizi

Per rafforzarsi sul mercato è indispensabile anche offrire un ventaglio di servizi il più possibile variegato, che permetta di garantire un’offerta competitiva e originale rispetto a quella delle altre strutture ricettive della zona.

Innanzitutto, è fondamentale sfruttare le possibilità offerte dal territorio, collaborando con i principali centri di attrazione per assicurare ai clienti delle esperienze a costi vantaggiosi, approfittando delle convenzioni.

Al tempo stesso, è possibile organizzare feste, pranzi e cene con menù particolari e serate a tema all’interno della struttura, per intrattenere gli ospiti in modo unico e accrescere la reputazione dell’albergo.

Altrettanto apprezzati, al giorno d’oggi, sono anche i corsi di una giornata per conoscere le nozioni basilari di varie arti e discipline, così come le esperienze sportive disponibili all’interno della struttura, magari grazie alla presenza di palestre o campi dedicati, ma anche all’esterno, sfruttando le possibilità offerte dal mare o dalla montagna.

Un’altra possibilità che può rivelarsi molto utile per distinguersi dalla concorrenza può essere quella di mettere a disposizione dei clienti il servizio di noleggio per quello che riguarda alcune risorse utili, come per esempio veicoli sostenibili, come biciclette e monopattini elettrici.

Tra i servizi più tradizionali, non possono naturalmente mancare quelli legati al relax all’interno della struttura. Laddove possibile, quindi, il consiglio è quello di dotare la struttura di una piscina con copertura riscaldata, così da assicurare il servizio in ogni periodo dell’anno e di una spa con cui regalare ai clienti momenti ricreativi con una coccola di benessere.